Falconara Vs Fermo

La nostra squadra oggi non è riuscita a replicare la vittoria ottenuta col Fabriano, gli ospiti, fin da subito più aggressivi e decisi, ci hanno messo in grande difficoltà.
Nel corso del primo tempo una prima metà ed una seconda, addirittura scaturita da una superiorità numerica, hanno evidenziato i soliti errori individuali e di squadra che si ripetono da troppe domeniche.
A nulla è servita la meta di Giacomo Bianconi, che ha portato il risultato sul 7-10.
Gli ospiti con un calcio trasformato, nato da un nostro fallo, portano il risultato sul 7-13.
Nonostante la prestazione opaca si poteva vincere la partita facendo una meta più la sua trasformazione, ma i nostri ragazzi oggi non hanno messo l'intensità e la giusta cattiveria agonistica necessaria per portare a casa il risultato.
Domenica 23 si chiuderà il campionato con la trasferta di Teramo, spero che i nostri ragazzi usino queste due settimane per allenarsi come si deve e chiudere la stagione con una vittoria che servirebbe a fare morale.
Come sempre forza FALCO.


Canetoro

Falconara Vs Fabriano
La partita comincia con trenta minuti di ritardo per l'incidente, per fortuna senza gravi conseguenze, du due autovetture che trasportavano i nostri ospiti.
Al fischio di inizio la nostra squadra ha cominciato la partita cercando di mettere pressione ai nostri avversari.
Nonostante qualche errore di troppo chiudiamo il primo tempo in vantaggio per 12-0 grazie alle due mete di Erik marziani ed alla trasformazione di una delle stesse da parte di giacomo Bianconi.
Il secondo tempo comincia con i nostri ragazzi che entrano in campo con molta più grinta per chiudere la partita.
Da questo atteggiamento ne scaturisce la meta di Steven Petrelli, che porta il punteggio sul 19-0 grazie alla trasformazione di giacomo Bianconi.
Purtroppo non riusciamo a fare la quarta meta e portare a casa i cinque punti a causa dei soliti nostri errori.
Errori personali e di squadra dovuti come sempre da una scarsa presenza agli allenamenti e l'impossibilità oggettiva, da parte degli allenatori, di preparare la partita a dovere.
Ripartiamo da una vittoria, che ci risolleva il morale, dopo le due amare trasferte in terra Abbruzzese.
È un piccolo passo avanti, ma non basta, bisogna lavorare duramente e con costanza per superare i propri limiti.
Come sempre forza FALCO
Canetoro

[ph. Massimo Giacometti]

La trasferta comincia con una partenza di buona mattina, purtroppo per problemi fisici e lavorativi il numero dei partecipanti e' ridotto all'osso.
Al termine di un lungo viaggio arriviamo in terra abruzzese in quel di Sulmona.
Come di consuetudine i ragazzi cominciano il riscaldamento, agli ordini dei mister Montesi e Palpacelli, accolti da un caldo sole che preannuncia una giornata di sofferenza, visto anche il numero esiguo di giocatori.
Pronti via fischio di inizio.
I primi minuti della partita sono beneauguranti per la nostra squadra, riusciamo a schiacciare gli avversari nella loro meta' campo, purtroppo riusciamo a mettere a segno solo tre punti, con un calcio di Erik Marziani, nonostante la netta superiorita'.
Sulmona riesce a pareggiare il punteggio a sua volta con un calcio concesso per un nostro fallo.
Da li' in poi la squadra lentamente si spegne, incassiamo una prima ed una seconda meta ed il punteggio alla fine del primo tempo dice 17-3.
Il secondo tempo comincia con i nostri ragazzi che cercano di mettere sotto pressione l'avversario per cercare di recuperare il punteggio.
In alcuni momenti ci riescono e da questi scaturiscono tre cartellini gialli per il Sulmona.
Grazie all'uomo in piu' riusciamo ad accorciare le distanze con una meta di Erik Mariziani.
La mancata trasformazione porta il punteggio sul 17-8.
Purtroppo la squadra, nonostante la superiorita' numerica, non riesce a segnare i punti che servono a riacciuffare il risultato, anzi e' Sulmona che va in meta per la terza volta, portando il risultato sul definitivo 22-8.
Veniamo alle note dolenti.
Mi dispiace moltissimo vedere la mia squadra perdere, chi mi conosce sa quanto io sia restio alla sconfitta, quello che ho notato sono i soliti errori tecnici individuali, che pero' possono capitare, ma quello che non riesco a mandare giu' e' la mancanza di aggressivita' e determinazione durante il gioco, sintomo di poca concentrazione e voglia di battagliare con l'avversario.
Ahime' tutto questo e' figlio di allenamenti, durante la settimana, dove i mister sono costretti a lavorare con numeri non adeguati a preparare le partita, vista la scarsa affluenza degli stessi, per di piu' anche la concentrazione non e' quella necessaria per poter lavorare come si deve e migliorarsi.
Ho fiducia in questo gruppo, fatto di giovani e meno giovani, ma l'unico modo per uscire da questa fase negativa e' uno solo:
essere presenti agli allenamenti, concentrati e con la voglia e la grinta per superare i propri limiti ed errori.
Adesso ci aspettano due partite, con Fabriano e Fermo, da non sottovalutare e da vincere assolutamente, per non buttare al vento quanto di buono fatto fino ad ora.
E' il nostro campo dove dobbiamo farci rispettare ed esprimere il nostro gioco!
Sempre forza Falco!!!!
Anche se in questo momento non posso darvelo in campo causa infortunio, avete sempre il mio sostegno!

Canetoro

[photo Sulmona Rugby]

L’Aquila, 29 Gen 2017

La salita al Gran Sasso in pullman comincia con un saluto ai ragazzi di Teramo e prosegue con i tetti del teramano ricoperti di neve, la discesa nel'’Aquilano continua con i segni ancora molto visibili del terremoto del 2009 e finisce con un campo di gioco in perfetta forma eccetto l’angolo in ombra con 20 cm.di neve dura che i ragazzi Verde-Nero hanno spalato prima della partita lungo le linee di meta e laterale. Il cielo terso, la temperatura gradevole e un gruppo di uomini e donne innamorati del Rugby ci hanno fatto trascorrere una bella domenica di Sport.

I Granchi della sacra fanga che sono saliti in montagna (Poggio Picenze, 756 m s.l.m.) sapevano di incontrare una squadra esperta e si sono preparati per questo ma nonostante ciò gli avanti Aquilani fin da subito hanno ci fatto sentire in campo il loro peso di massa ma soprattutto di esperienza; sapevamo anche di avere molto da spendere in termini di superiorità atletica dovuta alla giovane età dei nostri ragazzi e ora siamo sempre più consapevoli dei possibili margini di miglioramento del gruppo U18-Seniores nel suo complesso.

Grazie al buon lavoro dei nostri avanti che nel secondo tempo hanno tenuto testa alle Vecchie Fiamme e ad un Kolon in miglioramento che ha giocato con il 9 sulle spalle per l’intera partita, per la prima volta portiamo a casa 5 punti; non per demerito degli avversari ma per merito di questo gruppo che, nonostante non si senta soddisfatto della partita nel suo complesso, ha fortemente voluto questo risultato.

Graditissimo il rientro provvisorio di Noce e Mazze che sono stati schierati da mister Montesi negli ultimi minuti della partita.

Il DT Contini (noto ai più come Canetoro) ha dichiarato: “la partita non mi è piaciuta, il campionato è ancora lungo, voglio vedere la squadra nelle prossime 3 settimane di fermo Campionato per le 6 Nazioni, se restiamo uniti e convinti continueremo nella crescita e arriveremo preparati a fine torneo".

Un caloroso saluto alle Vecchie Fiamme Old Rugby ed un “in bocca al lupo (….e ne hanno per davvero nelle loro terre!)” per il primo campionato del loro Club appena nato e un “forza ragazzi” per le difficoltà incontrate fino ad oggi. Un grazie e a Fabrizio, Zied e Ion che ci hanno fatto compagnia, ai nostri tifosi Aquilani sugli spalti.

Campionato Regionale Serie C poule 2 Comitato Abruzzo

Vecchie Fiamme Old Rugby Asd vs Rugby Falconara Dinamis Asd: 5-26 (mete 1-4) (punti class. 0-5)

Metaman: Simonetti (Gabro, 1T), Hajayed (1T), Bianconi (Jack - 2T), Verde (2T)

Trasformazioni: Bianconi 3 su 4.

In campo: 15 Palpacelli Davide, 14 Coppari Mattia, 13 Mastri Simone, 12 Verde Giacomo, 11 Hajayed Ahmed, 10 Bianconi Giacomo (kap), 9 Nath Kolon, 8 Marziani Erik, 7 Re Emanuele, 6 Simonetti Gabriele (VKap), 5 Filipponi Francesco, 4 Calusio Luca, 3 Fratoni Andrea, 2 Petrelli Steven, 1 Filippetti Giacomo

A disposizione: Refi Roberto, Mazzedda Andrea, Fiocchi Roberto (dal 10’ in campo), Bramucci Lorenzo, Ferretti Daniele.

Manero

18/12/2016

Domenica sul campo di Fermo la prima squadra non ha dimostrato il suo valore, il Mister Montesi si è rimangiato le belle parole della precedente competizione di Fabriano, abbiamo vinto grazie a Jack, il Capitano, che è stato determinante. Si comincia molto male quando arrivati a Marina Palmense ci accorgiamo di non avere la muta delle maglie, il morale è sceso sotto il livello del mare e l’autostima si è volatilizzata. Il sacrificio di Steven ci ha consentito di iniziare la partita almeno con i pantaloncini da gioco mentre la maglia è rimasta quella che molto gentilmente gli amici di Fermo ci hanno prestato, Rossa: forse per la prima volta abbiamo giocato senza la nostra maglia una partita di campionato!!!

Viste le premesse e l’inesperienza dei ragazzi giovani, si è visto un primo tempo con i Granchi sempre nella propria metà campo a difendere la meta e con un punteggio parziale di 3-0. Nel secondo tempo, dopo aver sgranchito le chele, il ribaltamento della situazione in campo ha rincuorato il gruppo consentendo la supremazia territoriale e le due mete segnate e trasformate da Jack: insomma, quando la testa c’è i risultati si vedono.

P.S. Quel disgraziato/delinquente/irresponsabile che ha dimenticato la muta da gioco al Cormorano, il giorno dopo è stato eletto Presidente del Club dal nuovo Consiglio Direttivo eletto in Assemblea dei Soci di Lunedì 12 Dicembre.

Manero

Serie C2 Girone 1

Rugby Fermo 6 (0 mete) - Rugby Falconara 14 (2 mete)

Formazione: 15 Davide Palpacelli, 14 Bramucci Lorenzo (Coppari Mattia), 13 Mastri Simone, 12 Kouassi Kouame, 11 Hajayed Ahamed (Ferretti Daniele), 10 Bianconi Giacomo, 9 Gambelli Elia (Lorenzo Lambertucci), 8 Re Emanuele, 7 Marziani Erik, 6 Simonetti Gabriele, 5 Brunelli Ivan, 4 Filipponi Francesco, 3 Fiocchi Roberto, 2 Fratoni Andrea (Petrelli Steven), 1 Filippetti Giacomo.

A disposizione: Ungureanu Ion.

Mete: (57' e 65') Bianconi.
Trasformazioni: (57' e 65') Bianconi.

16/10/2016

Ieri la Prima Squadra sapeva di andare a sostenere un bell'esame di verifica: una stagione passata fatta di sole sconfitte e di retrocessione, un progetto bellissimo di fondazione di un gruppo di Granchi Adulti composti da Seniores e Under18 che non è andato in porto, la mancata partecipazione a test match con squadre del territorio. Le premesse erano sicuramente poco rassicuranti ma... il Rugby ci insegna sempre qualcosa!

La formazione messa in campo da Marco e Davide era prontissima e tutti ne eravamo coscienti. Il primo tempo speso a prendere le misure con noi stessi, con le nostre inesperienze e indecisioni, a giocare e difendere per tutti i 40 minuti nella nostra metà campo; nel secondo tempo si è fatta strada la consapevolezza dei nostri mezzi, abbiamo mantenuto alto il livello del gioco e fiaccato gli amici di Tortoreto meno prepararti di noi, merito anche dei 6 cambi che si sono dimostrati pronti e all'altezza della situazione.

Se tutto il Club saprà essere umile e tenace nelle scelte e nelle azioni quotidiane, come ieri la Prima Squadra ha fatto sul campo, potremo continuare a far evolvere questo gruppo di Granchi Chelati in Granchi Invincibili.

La squadra quest'anno c'è, è formata da un gruppo numeroso di atleti, eterogeneo per l'età ma un gruppo unito che ha accolto nel migliore dei modi i nuovi innesti provenienti dal settore giovanile, l'unione fa la forza e in tanti si vince! Un gruppo che ha capito alcuni concetti molto importanti:

- quanto è difficile raggiungere la meta se si è portatori di palla isolati dalla squadra, avanti trenta metri al tuo sostegno stanco o disattento, quando stai per impattare contro tre placcatori pronti a tagliarti in due? Tanto difficile, anzi, perderai sicuramente il possesso palla e molto probabilmente ti farai del male. Forte attenzione al compagno di squadra che porta palla e pronti al sostegno.

- ricordando Vittorio Munari al convegno al Centro Pergoli: se vuoi avere una forte squadra devi lavorare di più con gli atleti meno forti e meno preparati per innalzare il loro livello a quello del resto della squadra, per dare ricambio quando sarà necessario durante tutta la stagione sportiva. Forte attenzione al compagno di squadra, di Club, che ti cammina a fianco, meno preparato di te.

- coinvolgere più atleti possibile condividendo con loro e con il Club intero il minimo comune multiplo che ci fa stare tutti uniti insieme: lavorare bene sulle proposte sportive/educative, cercando il giusto equilibrio tra crescita sportiva e umana, ricercando la migliore prestazione e rinunciando al migliore risultato perché così facendo otterremo di più e meglio.

…E questo deve accadere non solo sui campi di Rugby ma nella vita di tutti i giorni. Doveroso il ringraziamento agli altri tredici ragazzi della Prima Squadra che non sono stati convocati perché la buona prestazione di ieri è soprattutto merito loro. Adesso ci dobbiamo preparare per la prossima domenica con gli amici di Pescara: concentrati durante gli allenamenti e rilassati nello spogliatoio, consapevoli di voler mettercela tutta per onorare avversario e Club e per dare esempio agli Under14 e Under16 che ci guarderanno giocare.

Questa domenica molti Granchi della Sacra Fanga hanno giocato sui campi ovali, le prestazioni dimostrate ci rinfrancano e ci gratificano; a conferma di quanto detto sopra leggete i resoconti della Under14 e Under16.

Buon Rugby a tutte/i e ci vediamo in campo, Domenica 23 Ottobre ore 15:30

Manero

 

Serie C2 Girone 1 - seconda di Andata

Rugby Tortoreto 0 (0 mete) - Rugby Falconara 17 (3 mete)

Formazione: Podolschii Mihail, Carletti Federico, Contini Alessandro, Filipponi Francesco, Marziani Erik, Mancinelli Matteo (Mancio), Simonetti Gabriele, Calusio Luca, Nath Kolon, Bianconi Giacomo (c), Kouassi Kouame Aubin (Boris), Verde Giacomo, Ferretti Daniele, Mastri Simone, Palpacelli Davide.

A disposizione: Filippetti Giacomo, Marconi Alessandro, Bramucci Lorenzo, Fiocchi Roberto, Coppari Mattia, Ahmed Haj Ayed.

Mete: (50') Kouassi, (60') Verde, (75') Bianconi.
Trasformazioni: (50') Bianconi.
Punizioni: -
Ammoniti: -
Cambi: tutti effettuati.

Ufficializzato il calendario delle gare della prossima stagione sportiva che vede impegnato il FALCONARA DINAMIS ASD nel girone abruzzese della categoria C2. Si parte domenica 9 ottobre alle ore 15:30 al Parco del Cormorano contro la squadra aquilana delle Vecchie Fiamme Old Rugby. Vi aspettiamo tutti a sostenere i nostri ragazzi che si presentano quest’anno con una formazione numerosa e piena di giovani impazienti di iniziare questa nuova esperienza. Forza Granchi!

17/04/2016

Un fine settimana da ricordare.

...se penso a Giovo che sabato sera dopo la cena con Vittorio e Gio’ s’è messo a lavare i pentoloni e che alla partita della Senior dopo la meta di Noce s’è messo a piangere... bè allora mi sento proprio bene in questo Club, ti vogliamo tutti un gran bene Giovo!!!!!

Il Sabato pomeriggio abbiamo conosciuto come la pensano un prete Educatore (Giovanni Varagona, ndr) e uno che di Rugby ne ha masticato tanto (Vittorio Munari, ndr), con il M-I-T-I-C-O TARCI (Tarcisio Pacetti, ndr) a fare da moderatore; il Centro Pergoli e l’ingresso sulla Piazza Mazzini si sono colorati di giallo e blu. Il Vittorio che afferma che per trasmettere valori bisogna farlo ogni giorno e in ogni momento della nostra vitae un Gio’ che dice che la nostra società ha invertito gli obiettivi con i mezzi perdendo di vista il bene comune; due considerazioni diverse sullo stesso tema del dibattito: il nostro Club è riuscito fino ad oggi ad incidere positivamente nel tessuto sociale del territorio? Possiamo fare meglio e cosa fare subito? In occasione del nostro 10° compleanno abbiamo voluto dare al Club e alla Cittadinanza occasione per pensare a questo aspetto del nostro fare sport e il dibattito è stato molto interessante e utile; l’Assemblea dei Soci del Falconara Rugby ha materiale su cui discutere da qui in avanti.
Vittorio poi ci ha fatto ridere tantissimo con i suoi racconti; in Crab House (Club House dei granchi) abbiamo cenato in compagnia sua, di Gio’, di Tarci e di tutti i Granchi che si sono prenotati per tempo... ma la notizia bomba è che questa volta la cena è stata pagata dal Club... mai successo!!!!
Raguse in porchetta, spaghetti con le seppie ripiene, sardoncini fritti e vino a stufo. E qui Vittorio ha dato il meglio di se e siamo stati benissimo... e Giovo s’è messo a lavare i pentoloni... ooohhhhhhh

La Domenica è cominciata con i nostri ragazzi della Under 14 che hanno giocato in casa con gli amici di Recanati e Fabriano vincendo con un punteggio molto alto e dimostrando ancora una volta il buonissimo lavoro fatto in questo Club da Antonio Rea che saluto e bacio tantissimo (sapete tutti che è infortunato, vero???). Pranzo in Crab House organizzato dalle Under 14 e Under 16 per autofinanziamento per il torneo in Francia che andranno a disputare tra pochi giorni. Un asado perfetto preparato dal nostro Tecnico Under 18 Ariel e organizzato a puntino dai Team Manager e Direttori Sportivi che hanno rimpinzato circa 60 stomaci affamati e assetati di rosso conero, poi tutti alla partita della PRIMA SQUADRA.

Io ho mangiato defilato rispetto agli altri, avevo un groppone allo stomaco, poco prima avevo pianto quando Marco aveva letto la formazione della Senior per la partita con Fano: “1 Pollo 2... 3... 15 Emanuele Re, un applauso a Emanuele per l’esordio in PRIMA SQUADRA!!!”. Un altro esordio di un ragazzo del nostro settore giovanile cresciuto sul prato del Cormorano dopo quelli di Giacomo, Zied, Ahmed, Lorenzo... brivido perché Emanuele è di un anno più piccolo e quindi... sono pronti o quasi anche gli altri... dai dai che forse lo sono veramente... e poi la mente mi è volata via sulle ali di un sogno...
Torno a terra e mi dico e dico al Club tutto: “se nei prossimi 4 anni sapremo dare qualità ad ogni nostra attività i risultati sportivi arriveranno da soli, come oggi”.

Si perché il risultato che la Prima Squadra ha raggiunto in partita con il Fano è stato grandissimo e frutto del sostegno di tutto il club: ha dimostrato che in questo sport conta più il collettivo che il fisico e la tecnica, bisogna essere umili per accettare di essere gli ultimi del girone e rimboccarsi le maniche per dimostrare il contrario, bisogna sentirsi a pieno titolo parte integrante del Club per non subire la tentazione di mollare tutto dimostrando con la tenacia e la forza di volontà la voglia di riscatto. Perdere tutte le partite disputate fino ad oggi (meno una) e trovare dentro di ognuno e nel gruppo le motivazioni per continuare a lottare è merito di tutti questi ragazzi che Mister Marco e Capitan Locciò stanno tenendo insieme come in un plasma.

...e quando poi vedi la gioia negli occhi dell’incredulo Noce dopo la meta, tutta la tensione si scioglie come neve al sole e mi dico che se si è seminato bene prima o poi si raccoglie. Noce non si fa vedere da mesi per problemi di lavoro, poi lo chiamiamo per darci una mano a fare numero alla partita di Faenza, Lui viene con solo 2 allenamenti, gioca un tempo, già è tanto che non si fa male... e oggi fa meta, la sua prima meta in carriera, quegli occhi a metà tra il pianto ed il sorriso non li dimenticherò. Usciamo dal campo con Lollo che batte il capo e perde conoscenza ma adesso è tutto ok, Fede che sta riempiendo di punti la raccolta della Coop (altri 5 che sommati ai 7 di prima fanno 12), 4 mete: di 2 di Boris, Noce, Locciò tutte realizzate da Jack.
Insomma perdiamo 31 a 28 ma 10 minuti prima abbiamo avuto l’occasione per vincerla: SONO GONFIO DI ORGOGLIO COME UN ZEPPELIN... mi abbraccio a Giovo.

Non mi resta che invitare tutte/i voi alla Festa del Compleanno del nostro Club che si svolgerà Domenica 15 Maggio al Campo del Cormorano: il “Pranzo da Palo a Palo”, un tavolo unico e lungo 100 metri, sarà l’occasione per incontrare tanti vecchi compagni di squadra e festeggiare le 10 candeline.

Buon rugby a tutte/i

19 Aprile 2016

Manero

10/04/2016

Faenza Rugby vs Rugby Falconara 50-14. Mete di Astolfi e Brunelli.

20/03/2016

Quella trascorsa è stata un’altra domenica di sofferenza per la Prima Squadra sul rettangolo verde di Castel San Pietro Terme (BO).

La fortuna ha sorriso agli avversari facendo scegliere loro il campo con il vento forte ed il sole alto entrambi a favore rendendo vani i nostri calci di liberazione; nonostante questa ulteriore difficoltà i ragazzi hanno cominciato la partita con la giusta mentalità dimostrando che quando le teste e le gambe girano bene possiamo dire la nostra a tutti.

Poi la stanchezza che sale e l’entusiasmo che scende, unitamente alla fragilità emotiva dell’intero gruppo, hanno messo la ciliegina amara su una torta venuta male e per la seconda partita di seguito usciamo dal campo pesantemente sconfitti e senza segnare punti sul tabellino: Castel San Pietro 46 – Rugby Falconara 0.

Tutti noi conosciamo i risultati negativi della Prima Squadra dell’ultimo periodo e ricordiamo il campionato di C2 vinto solo 3 stagioni sportive or sono; probabilmente lo stridente contrasto di emozioni che abbiamo e stiamo provando ci limita nell’esternare il sostegno a questo gruppo, ne sono certo. Avete guardato gli occhi dei ragazzi quando escono dal campo dopo l’ennesima sconfitta? Io mi sono sentito male per loro immaginando lo scoramento e la delusione che possono provare e la relativa tristezza che ne deriva; forse il rispetto del dolore e dello sconforto dei giocatori mi impedisce di dimostrarmi vicino in qualche modo a loro? Solo questa è per me la motivazione plausibile per giustificare l’assenza di molte Granchie e Granchi a fianco della squadra che oggi ha più bisogno di sostegno di tutte le altre del Club.

L’esperienza che il Club sta vivendo con la 1° Squadra ci serva da insegnamento: il Rugby è uno sport CRUDO, come ha detto Vittorio Munari al termine dell’ultima partita della Nazionale Italiana di Rugby con il Galles, perché vince sempre il più forte che, per onorare l’avversario, non fa melina e non regala il punto della bandiera ma spinge e lotta fino alla fine.

Per ringraziare gli atleti della 1° Squadra per quanto stanno facendo al club, chiedo a tutte le Granchie e a tutti i Granchi di far sentire loro il sostegno, dimostrando che stiamo soffrendo per loro e con loro: facciamoci vedere a bordo campo la domenica, offriamo loro una birra in CH, una pacca sulle spalle per dire “forza e coraggio” durante la settimana, diamo disponibilità a collaborare con il gruppo Senior e ad animarlo con nuovi amici e nuove amiche, la prossima trasferta riempiamo un pullman di supporters e di tanta voglia di stare insieme a loro.

E’ certo che il percorso per riportare questo gruppo al vertice del movimento regionale sarà lungo e in salita ma, siccome vincere la promozione in Serie B con atleti formati nel nostro settore giovanile è il grande sogno sempre più condiviso nel Club, sono sicuro che l’intero collettivo del Rugby Falconara Dinamis ASD saprà aspettare pazientemente, osservando e sostenendo i progressi dei ragazzi dei gruppi giovanili che già da oggi promettono grandi soddisfazioni.

Formazione: Ivan che in terza linea si è battuto con tutte le sue forze, Pollo e Cane che hanno resistito in campo tutta la partita, Ivo che con il ginocchio al 50% ha fatto il massimo che poteva, il Palpa che da libero ha fatto un solo avanti sulla ricezione dei calci alti, Fede che digli tutto ma non di mancare ad una partita perché sennò ci sta male, Lollo che è peggio di Fede, Erik fuori ruolo che s’è messo il caschetto e non ha fatto storie, Jack che ha provato a inventarsi qualcosa perché s’è proprio rotto di perdere, Locciò che le sue sgroppate a rompere il placcaggio sono già nella storia del Club, Steve che è meglio dell’acciaio Aisi 316... inossidabile, Danielì che ha mantenuto la promessa ed è tornato in campo, Simo che gli si vede distante un chilometro se ha vinto o ha perso nonostante sia molto silenzioso, Michelì che ha rotto tante uova nel paniere della touche avversaria, Mattia che ha giocato con un dito della mano rotto, Boris che se prende coscienza delle sue potenzialità non lo ferma più nessuno, Ale Marcò che ha tanto rugby da imparare quanto tanta umiltà da insegnare... dimostrando tutti uno spirito di sacrificio e senso di appartenenza al Club non comuni.

Manero

Pagina 2 di 3
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Sponsor Etici

sponsor-etico-iom

sponsor etico tenda